Il Potere

R014

Cos’è il potere? Dipende. Se leggiamo nel vocabolario la prima accezione riguarda la capacità di fare, ma poi troviamo anche la capacità di imporre il proprio volere, un esercizio autoritario in un determinato campo, ancora autorità riconosciuta ad un individuo oppure gruppo di individui in un settore. Se poi ci concentriamo sugli aspetti fantasy del potere esce fuori di tutto e di più. Il potere, quando riguarda l’imposizione del volere unico oppure oligarchico, s’incontra e si scontra con tanti altri aspetti della vita quotidiana, in primis la libertà. Il despota, autoritario, accentratore, arrogante, utilizzatore di mezzi di coercizione che limitano ed impongono è colui il quale siede sul trono di cristallo; bello, riflette la luce, costoso, apparentemente forte quanto realmente fragile. Nel mio libro l’esempio è re Orrel… sulle sue spalle grava il sogno della sua dinastia, gli Occhineri, che ossessiona, impedisce di guardare la vita per quello che è, li sottomette e li avvinghia conducendo questa casata alla follia. Convinto di essere stato derubato nei secoli di titoli e terre che hanno impedito alla casa degli Occhineri di guidare non un regno, bensì un impero, e decide di cedere alle melliflue parole seducenti dei tentatori che lo conducono verso la strada della conquista, dello sterminio, ma anche della rovina ( Vedeste cosa diventa con il passare del tempo… brutto con forma simile agli umani e pelle tutta… come dire… ecco, diventa come un ministro della Repubblica.).

Un re non è assoluto perché tale, addio all’assurdo pensiero che sia il volere divino a rendere un uomo superiore ai suoi simili, perché sempre di carne ed ossa è fatto, quando tramonta ed albeggia i giorni trascorrono anche lui, il problema però è il potere che insinuandosi fino alle ossa illude persino ogni singola cellula del corpo spingendola a pensare di non dove mai in assoluto essere costretti a pagare il conto. Ecco, in Satarlanda vi sono molti che devono pagare, alcuni riceveranno la loro punizione, altri spariranno, chissà faranno ritorno successivamente, rimarranno nel buio, ordendo e cercando la strada per ritornare in auge, contorcendosi persino nella propria arroganza e superbia, e per trovarli basta cercare bene… negli anfratti, nelle profonde e buie caverne, sulle vette più alte ed isolate, e certamente in un angolo del parlamento… cioè voglio dire del continente di Satarlanda, attendendo il momento per fare ritorno. Il potere… cos’è? C’è chi può spiegarlo molto meglio di me perché campa di potere…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *