Siria, kamikaze dell’Isis colpiscono, oltre 50 morti VIDEO

CoW-dUFXgAErpUf

Oltre 50 morti e più di 170 feriti il bilancio, tuttora provvisorio, delle esplosioni in rapida successione di due autobombe guidate da kamikaze a Qamishli, una città della Siria collocata nella zona nord-est del territorio a maggioranza curda e controllata dalle Unità Difesa del Popolo Curdo (Ypg). Il conteggio delle vittime per la mattinata è salito continuamente, riferito con costanza dalla tv Jazeera e, si reputa, andrà avanti ancora per molto.

L’attacco con le autobombe è stato rivendicato dall’Isis : “Oltre 100 morti e decine di feriti è il risultato di una operazione di martirio compiuta nel mezzo di un raduno di unità curde nella città di Qamishli”, recita il testo del comunicato postato su Telegram da Amaq, agenzia stampa ufficiale dello Stato Islamico. Ovviamente fornendo dati ampliati per confermare il successo dell’azione terroristica. Il primo attacco, secondo la tv curda Rdaw, è avvenuto “con l’esplosione di un camion-bomba nel quartiere occidentale di Qamishli”, abitato prevalentemente da arabi. Questa esplosione è stata seguita immediatamente dopo dalla seconda deflagrazione di un auto, nei pressi del Ministero della Difesa, dove ha sede l’amministrazione autonoma fella città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *