Diffusi i fasulli allarme bomba in Italia

1e prima dell'apertura. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri, gli artificieri, i Vigili del Fuoco e la scientifica.Nella foto: il camion degli artificieri

Comprensibile psicosi diffusasi in Europa, anche l’Italia e gli allarmi bomba si moltiplicano. Presunti ordigni a Milano, Torino, Ventimiglia e Genova, ogni avviso allerta le forze dell’ordine, genera panico nella popolazione e diviene inconveniente sotto molti altri punti di vista. Gli allarmi si diffondono per semplice disattenzione dimenticando un bagaglio, altre volta colpa di mitomani, dagli sciocchi vogliono potare avanti questo giorno oppure da chi ha tanta paura.

28 Luglio 2016 Allarme a Genova

Auto sospetta, una Citroen Berlingo posteggiata tra San Benigno e Dinegro conduce ad un allarme bomba attorno alle 14.00. Intervengono i Vigili del Fuoco, la polizia municipale e gli artificieri. Conseguenze per il traffico, con la chiusura di ponte elicoidale, sopraelevata e casello stradale Genova Ovest. Si formano code e con esse altri inconvenienti. Trascorse alcune ore tutto viene risolto senza avere trovato nulla.

27 Luglio 2016 Allarme bomba a Torino

A Porta Nuova, dopo una telefonata anonima, scatta l’allarme bomba alla stazione. La telefonata indica la presenza di un ordigno, affermando che esploderà dopo quattro ore. Polizia e carabinieri setacciano la stazione senza trovare nulla.

25 Luglio 2016 Allarme bomba a Milano e Ventimiglia

Milano: chiuse per allarme bomba le metro M2 e M3, presente pacco sospetto che ha generato panico. Si trattava di un pacchetto contenente un autoradio e alcune componenti elettriche, abbandonati sul posto con probabili finalità allarmistiche. Le forze dell’ordine hanno visionato i filmati delle telecamere di sorveglianza per cercare di individuare i colpevoli.
Ventimiglia: due telefonate anonime hanno annunciato la presenza di ordigni esplosivi al mercato ortofrutticolo. La zona è stata subito isolata e gli artificieri sono entrati in azione per le verifiche. L’allarme è rientrato poco dopo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *