Raid aerei USA contro Isis in Libia

raid-aereo

Da Tripoli l’annuncio, pochi minuti dopo arriva la conferma del Pentagono, il Governo di unità libico ha chiesto ufficialmente agli Stati Uniti di bombardare l’Isis a Sirte. Fayez-Sarraj, Premier della Libia, in conferenza stampa ha affermato che i primi attacchi sono stati effettuati oggi contro le forze dello Stato Islamico.

Il Premier ha precisato nel suo discorso televisivo : “ oggi i caccia americani hanno compiuto raid aerei contro l’Isis a Sirte, conformemente alla richiesta presentata dal Consiglio Presidenziale del Governo di intesa nazionale ed in coordinamento con la Operation Room di Al Bunyan al Marsous”. Con tale dichiarazione, il presidente conferma di avere presentato formale richiesta agli USA di sostegno contro le forze dello Stato Islamico, allo stesso tempo, come scrive il sito Alwasat, “ ribadendo il rifiuto del suo Governo ad ogni tipo di ingerenza straniera senza mandato o autorizzazione di intesa nazionale.”.

La conferma dell’attacco è arrivata dal Pentagono, il portavoce Peter Cook ha sottolineato che sono stati compiuti raid di precisione per eliminare zone considerate dall’Isis sicure. Tali attacchi, come ribadiscono fonti libiche, saranno limitati ad un determinato lasso di tempo e nelle aree delimitate di Sirte e periferia.

La notizia di questi radi arriva dopo che nei giorni scorsi i media libici hanno riportato di un messaggio del comando dell’operazione Al-Bunyan Al-Marsous al governo di Al Sarraj chiedendo l’ausilio di raid aerei Usa nella battaglia contro l’Isis nella città natale di Muammar Gheddafi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *