Isis spara su sfollati in Iraq: 3mila catturati, 12 uccisi

(Blitzquitidiano.it) BAGHDAD – L’Isis ha fatto prigionieri 3mila profughi che fuggivano da alcuni villaggi in Iraq, diretti verso Kirkuk, e ne avrebbe uccisi dodici. E’ quanto riferisce un rapporto dell’Alto commissariato dell’Onu per i rifugiati (Unhcr) citato dalla televisione panaraba Al Arabiya. “L’Unhcr – si legge nel rapporto – ha ricevuto notizie che l’Isis ha catturato fino a 3mila persone sfollate da villaggi del distretto di Hawiga mentre cercavano di fuggire verso Kirkuk. Secondo le informazioni, dodici sono stati uccisi”.

Una fonte della sicurezza citata dal sito di notizie Iraqi News ha detto che gli jihadisti dello Stato islamico hanno aperto il fuoco sugli sfollati mentre questi, giovedì pomeriggio, cercavano di lasciare la regione di Hawija, nel nord dell‘Iraq, occupata dall’Isis, per cercare di raggiungere il territorio controllato daimiliziani curdi Peshmerga, più ad est. Tra le 3mila persone in fuga, secondo la stessa fonte, vi erano“donne, bambini e anziani”. La regione di Hawija, tra le province di Kirkuk, Ninive e Salahuddin, è appunto controllata dall’Isis, mentre a est sono schierate le milizie curde e ad ovest le forze governative irachene. L’Unhcr ha da poco iniziato la costruzione di duestrutture per accogliere gli sfollati: una aMossul, destinata ad ospitarne 6mila, un’altra a nordovest della città, pronta per accoglierne 15mila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *