Inghilterra, insalata condita di rucola e Escherichia Coli

rucolaLa questione era venuta già alla ribalta da qualche settimana, sembra che non sia stata affatto risolta e diventa grave al punto da avere condotto un numero non indifferente di persone in ospedale e, persino, alla morte. La questione riguarda Londra, l’insalata di rucola e la malattia chiamata Escherichia Colli. Questo batterio si trova nella parte inferiore dell’intestino di animali a sangue caldo, se rilevato nell’acqua indica una contaminazione fecale. Il Messaggero pubblica:

“ Due persone sono morte, decine ricoverate e centinaia colpite dall’epidemia di infezioni provocate dal batterio E.coli che si è diffusa nel Regno Unito. La colpa sembra essere di un’insalata rucola in busta, che si trova nei supermercati e nei ristoranti, avverte il Telegraph on line. Il ceppo di E.coli in questione è lo 0157 e ha infettato oltre 150 persone.

Le autorità sanitarie hanno ordinato ai grossisti che riforniscono ristoranti e catene di supermercati Oltremanica di interrompere l’importazione del prodotto dal Mediterraneo, da dove si pensa provengano le foglie infette. Per ora, comunque, la rucola continuerà a essere venduta perché la Food Standards Agency (Fsa) ha dichiarato di non avere ancora prove sufficienti per giustificare un richiamo completo di prodotti al dettaglio.

Le indagini sono state avviate nelle zone intorno a Bristol e Bath, dove tutti i casi sono stati isolati fino alla settimana scorsa. Ma negli ultimi giorni ne sono emersi anche altrove in Inghilterra, Galles e Scozia. La Fsa ha messo in guardia i consumatori raccomandando di lavare accuratamente tutte le verdure destinate a essere consumate crude.”

Gli Inglesi più di preoccuparsi di lasciare l’Europa alla ricerca della vecchia completa indipendenze, sebbene in troppi si siano amaramente già pentiti di questa decisione, dovrebbero preoccuparsi di lavare bene l’insalata usando acqua pulita. Per gli italiani che volessero recarsi in Inghilterra, se proprio volete la rucola, portatevela da casa, che è la soluzione migliore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *