Terremoti, cosa sono?

mappa sismica italianaCiò che segue non è una lezione di geologia, bensì un modo per esporre un concetto in maniera semplice e da profani. I terremoti sono movimenti della crosta terrestre, questo perché i piedi li poggiamo non un’unica terra unita che avvolge il nucleo del pianeta, bensì è come se fossero delle isole moventi. Ad esempio, sopra alcuni cibi o liquidi si forma un patina, queste si separa in varie parti, strette eppure separate, se si muovessero sarebbero costrette a scontrarsi tra di loro, come accade nel mondo. Infatti le placche tettoniche si spingono a vicenda, si scontrato, si contrastano e da questo nascono montagne oppure terremoti.

Se spingete un pacco pesante sul pavimento per evitare di sforzarvi troppo la schiena può capitare di trovare qualche ostacolo, come una mattonella fuori posto, e per riuscire a superarla spingiamo più forte. Riusciremo a superare l’impedimento percependo l’urto, ecco quello è nella vita reale il terremoto. Una placca spinge l’altra e la obbliga a sprofondare verso il centro della terra dove si scioglierà, ma capita che salendovi sopra viene incontrato ostacolo e per superarlo deve essere accumulata energia che sarà dispersa nel momento in cui l’ostacolo si supera. Le vibrazioni si diramano fino alla superficie scuotendo il terreno.

La nostra penisola, contrariamente a quanto alcuni pensano, appartiene alla placca tettonica dell’Africa, è come fosse il suo cuneo con cui sprofonda nella placca euro-asiatica e questo contatto origina le Alpi. Infatti se una placca può sprofondare verso il centro oppure sollevarsi verso l’alto e così si hanno i moti e le catene montuose. Individuare zona soggetta a movimenti sismici è possibile, prevedere che in quello spazio vi saranno terremoti è fattibile, dire quanto è ancora impossibile essendo non misurabile l’accumulo di quella energia che poi darà origine al sisma. Per questo si può sapere in anticipo se conviene o meno costruire edifici in determinate zone e provvedere, nel caso in cui siano logicamente come accade, centri abitati antichi, ad impedire che i sicuri sisma non rechino danno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *